venerdì 4 maggio 2007

E' ora di dire basta!


Ancora una volta il popolo cubano deve pagare un pesante tributo in vite umane per azioni terroristiche causate dall’arroganza e dalla prepotenza del potente vicino che fin dai primi giorni del trionfo della Rivoluzione cubana ha messo in atto ogni tipo di aggressione, economica, politica e militare per sovvertire il legittimo governo cubano.
Di nuovo il carattere criminale della Ley de Ajuste Cubano messa in atto dal governo degli Stati Uniti, ha alimentato una nuova azione vandalica e terrorista.
Alle tre della mattina di ieri, sono stati catturati due individui mentre cercavano di impossessarsi di un aereo civile con l’obiettivo di dirottarlo verso gli Stati Uniti. Per portare a termine il loro proposito si sono impossessati di un autobus prendendo in ostaggio vari passeggeri. Arrivati al Terminal 1 dell’Aereoporto Josè Martì, sono saliti su un aereo senza equipaggio ne passeggeri, entrati nell’aereo hanno assassinato un ostaggio, il tenete colonnello delle FAR Victor Ibo Acuña Velázquez, che malgrado fosse disarmato ha tentato di opporsi ai terroristi. Il pronto intervento delle forze dell’ordine ha evitato che le intenzioni dei sequestratori andassero a buon fine evitando che altri ostaggi venissero assassinati.
I due delinquenti catturati sono gli unici rimasti in fuga dopo che avevano assassinato, il 29 aprile, il sodato Yoendris Gutierrez Fernandez mentre era di sentinella in una unità delle FAR, e aver ferito un altro militare. In quell’occasione questi individui, che prestavano servizio militare nella stessa unità, sono fuggiti con due fucili e per questa ragione le forze dell’ordine si sono organizzate per evitare nuove vittime. L’appoggio della popolazione della zona ha facilitato la cattura degli altri delinquenti implicati nel tentativo di abbandonare in forma illegale il paese.
Questi eventi evidenziano ancora una volta il carattere criminale della cosiddetta Ley de Ajuste Cubano che favorisce ed alimenta azioni vandaliche e criminali.
La responsabilità delle autorità degli Stati Uniti, più volte denunciate da Cuba in tutti i consessi internazionali, sono evidenti ed inequivocabili, ma sembra non turbare le coscienze dei capi di stato dei paesi “democratici” che sono invece sempre disponibili a seguire i potenti alleati nelle loro imprese in giro per il mondo dove, con l’intenzione di combattere il terrorismo, in realtà terrorizzano interi popoli portando rovine, morte e disperazione.
Quando tutte le persone civili e veramente democratiche alzeranno la loro voce contro il vile tentativo dell’imperialismo criminale di imporre il proprio dominio in ogni angolo del pianeta? Quando diremo tutti insieme basta a questa politica sporca ed assassina che per favorire gli interessi di pochi cialtroni vili e potenti, condanna la maggioranza delle popolazioni del mondo a condizioni di vita inaccettabili? E soprattutto, quando la finiranno i nostri governanti di comportarsi da vili sudditi degli americani?
E smettiamola di dire che siamo un paese “libero e democratico”!!!!! Non dimentichiamoci mai che sul nostro territorio sono presenti basi militari americane, migliaia di soldati con i loro armamentari nucleari e chissà cos’altro!!!!!!
Se per decenni ci hanno raccontato la storia della necessità di proteggerci dal nemico “rosso”, ora che anche i meno dotati di intelletto non possono non capire la strategia folle portata avanti dagli Usa per dominare il mondo, non ci sono più alibi di sorta, gli Stati Uniti devono ritirarsi da tutte le aree del mondo e smetterla con la loro attività terroristica mirata a dominare l’intero pianeta. Lo chiede perfino la maggioranza dei cittadini americani, malgrado siano da secoli imbottiti di propaganda reazionaria.
E lo chiedono centinaia di milioni di disperati che hanno diritto ad una vita dignitosa ed a scegliere lo stile di vita a loro più consono, anche se non piace agli americani!
E mi sembra che abbiano ben poco da insegnare a chicchessia viste le tragedie che quotidianamente devono registrare in casa propria a causa di uno stile di vita imposto e che niente ha a che vedere con le vere necessità ed i bisogni dell’essere umano….
Credo proprio che sia giunta l’ora di basta!

20 commenti:

Hernan ha detto...

La dinamica del maldestro tentativo di dirottamento lascia alquanto perplessi e pone molte domande. Se le due reclute avessero semplicemente voluto andare via da Cuba, lo avrebbero potuto fare senza mettere a rischio la propria vita in una operazione suicida. Non vedo analogie con i dirottamenti del 2002. In particolare non si comprende la ragione per la quale i tre siano fuggiti dalla caserma il giorno 29 procurandosi armi da guerra, e abbiano tentato il disperato dirottamento solo dopo tre giorni quando tutte le forze di sicurezza erano state allertate. Sembra quasi, dalle poche notizie emerse, che l'obbiettivo originario fosse un altro ma che qualcosa sia andato storto e solo a quel punto i tre si siano decisi ad una improbabile fuga.

Hernan ha detto...

Volete vedere che i nostri media, che hanno ignorato la liberazione di Posada Carriles, si butteranno su questa succosa notizia facendo passare i tre dirottatori (che in altri contesti sarebbero definiti terroristi), come dissidenti alla ricerca della libertà?

Anonimo ha detto...

FINALMENTE I CUBANI SI STANNO RIBELLANDO ALLA DITTATURA.
Ahh! Ahh! Ahh!

Anonimo ha detto...

Trovo che una delle manifestazioni più evidenti di stupidità e di pochezza intellettiva sia quella di mettere le risate nei messaggi come ah ah ah, eh eh eh e altre simili idiozie...

Benito ha detto...

certo in un blog poi dove le idiozie sono all'ordine del giorno ah ah ah è il minimo.COGLIONI SPARATEVI

Anonimo ha detto...

Benito sper che farai la stessa fine del tuo omonimo, a testa in giù a Piazzale Loreto.

Eliolibre ha detto...

Come aveva previsto il Salsero, sono arrivati. Eccoli i portatori sani di fascismo!
Le loro parole si commentano da sole ed anche queste le lascerò a monito della loro pochezza intellettuale e morale. Se poi uno si firma Benito.... Il sapere che abbiamo degli avversari così poveri di idee ci stimola ancora di più a sostenere l'esperienza cubana. Lì persone di tale stupidità non ne nascono, non è nel loro DNA.
Hernan, sono d'accordo con te, la nostra stampa, come sempre, ci farà sopra la sua bella campagna anticubana. Il livello dei nostri giornalisti, salvo poche eccezioni, non è che sia migliore dei quello di coloro che scrivono le stupoidaggini che abbiamo letto quì. Gli imbecilli vengono formati da altri imbecilli e per diventare direttori di un grande giornale, l'ultima cosa che viene chiesta è l'intelligenza e la moralità. Se non fosse così il nostro paese non sarebbe mai arrivanto tanto in basso.
La stampa, ed ancora di più la televisione, hanno enormi responsabilità.

Anonimo ha detto...

Tu hai bisogno di un buon psichiatra ...

Massimo ha detto...

Oggi su Cubanite ho letto il tuo nome scritto sicuramente da questo Feccia e penso che d'ora in poi dovrai aspettarti intrusioni quotidiane.Per loro, ribellarsi alla dittatura o libertà significano che dei poveri ingenui vengono sacrificati dai dei bastardi che promettono loro il benessere(invano)in cambio della vita che essi offrono,sperando nelle loro bugie che usano solamente per screditare Cuba.

Salserodialbosaggia ha detto...

Caro Elio, sono veramente dispiaciuto, che il tuo blog sia attaccato così vilemente, se poi penso che la responsabilità è parzialmente mia per averti indirizzato su un sito "avverso" al tuo pensiero.

Posso comprendere che i tuoi scritti non siano condivisi da molti del Forum "Cubaforum", ma tra il discutere anche animatamente , con almeno uno straccio di motivazione.... e gli insulti gratuiti .....differenza ne passa.

Faccio perciò un appello a questi "signori" che lanciano il sasso e nascondono la mano, ad abbandonare la condotta del insulto e proseguire con la discussione peroaltro motivata..... ne gioveremo tutti.

Grazie Massimo (Alias Vecchio 69, Salserodialbosaggia)

Anonimo ha detto...

L'AMORE SEPPE ALLORA DI CHIAMARSI AMORE.
E QUANDO SOLLEVAI I MIEI OCCHI AL TUO NOME
IL TUO NOME ALL'IMPROVVISO DISPOSE
LA MIA STRADA.

(Pablo Neruda)

Non e' sempre "facile" per l'AMORE,
FARSI STRADA, ma e' l'UNICA COSA per cui VALE LA PENA DI VIVERE!!!

hasta siempre,ELIO. el gaviota

Eliolibre ha detto...

Il Feccia lo conosco bene, ho avuto occasione di scambiare delle opinioni con lui. E se si ricorda ancora il mio nome è buon segno....
Salsero, non farti venire i sensi di colpa, sul quel sito ci sono andato per curiosità, ho detto quello che penso e sono venuto via. Spero che i frequentatori di quel sito non siano tutti così. Comunque che vengano pure, più parlano, più si discreditano.
A propsito dei fatti di ieri, chi ha notizie fresche è pregato di comunicarle, io ha sentito parenti ed amici all'Avana che mi confermano quanto ho riportato nel post e dicono che non ci sono altre notizie importanti al riguardo.

Eliolibre ha detto...

Grazie Gaviota per essere volato fin quì ed averci portato le rime di Pablo Neruda. Non ci poteva essere risposta migliore alla stupidità di certe persone.
Un abbraccio.
PS su Notizie dell'impero ho riportato un interessante articolo di Gennaro carotenuto

cecco si ha detto...

Caro Elio,
ieri sera ho assistito ad un dibattito sraordinario dove era presente il grande Gino Donè Paro. Fresco di questa esperienza meravigliosa e soprattutto emozionale, sento con tutto il rispetto che mi è possibile di invitare il sig. benito di andare a predappio a farsi una sana e doverosa pugnetta, e di invitarlo dopo aver sfogato la sua inespressa attività ormonale, a conoscere l'intensa e gloriosa attività atta a garantire una politica umanistica A CUBA e nel mondo dei grandi del Granma che fortunatamente porta anche un nome italiano...il grande Donè.
Se la stampa faziosa che crea danni incalcolabili a Cuba non esistesse tu caro benito non esisteresti...(concettualmente ovviamente).
CONCLUDO AUGURANDO AL MONDO, ALTRI CENTO, MILLE, GINO DONE'...

Eliolibre ha detto...

Che fortuna hai avuto a conoscere Gino Donè Paro! Io, che ho la fortuna di vantare personaggi come lui tra le mie amicizie, spero un giorno di poterlo conoscere personalmente e potergli dimostrare tutta la mia ammirazione per la sua straordinaria esperienza esistenziale e per la sua semplicità.
Se penso a tutti quegli imbecilli che vogliono apparire ad ogni costo e che trovano grandi spazi sui nostri media, mi spiego perchè siamo sottoposti ad un potere così stupido ed arrogante. Loro hanno bisogno di imbecilli per creare altri imbecilli.
Immaginati se invece del Grande Fratello i giovani avessero come ideali persone come Gino Donè Paro! Il mondo sarebbe ben diverso! E forse anche Benito non sarebbe caduto così in basso.......

Anonimo ha detto...

e pensa che chi come me lo ha come zio.

Anonimo ha detto...

http://www.adnkronos.com/IGN/Cronaca/?id=1.0.1893225271

Eliolibre ha detto...

Su Gino Donè Paro ho scritto un post su questo blog qualche tempo fa. Don Andrea Gallo mi aveva dato il suo recapito ed ho cercato di contattarlo per vedere se fosse stato possibile organizzare una serata in suo onore ma purtroppo in quel periodo si trovava all'estero e non sono riuscito a contattarlo.
Ho saputo del documentario dedicato alla sua vita avventurosa e sono andato a visitare il sito che mi hai segnalato. Tutto interessante però il "lettore digitale" di IGN dovrebbe imparare a pronunciare meglio i nomi della storia che racconta....
Grazie molte per la segnalazione.

Anonimo ha detto...

Si, probabilmente lo e

Anonimo ha detto...

La ringrazio per Blog intiresny