giovedì 10 aprile 2008

Ariel e Lilliana, o la dignità cubana



In questi giorni sono alle prese con incredibili problemi per portare a termine l'invito ai miei amici trovadores Ariel Dìaz e Lilliana Hèctor per una serie di concerti in Valtellina ed in Versilia. Questo non mi ha permesso di dedicare tempo a questo e all'altro mio blog malgrado avessi molto da dire sugli ultimi eventi , in particolare su quelli cubani e sulla questione Tibet. Però uno dei soliti anonimi che intervengono per denigrare ed insultare Cuba, Fidel ed il Governo cubano, oggi mi ha mandato un commento che sembra fatto apposta per stimolare un articolo che serva a far capire come stanno realmente le cose, se è vero che il Governo cubano impedisce ai propri cittadini di uscire da Cuba o se invece gli ostacoli hanno ben altra origine. Oltre ovviamente ai costi insostenibili per le economie povere dei Paesi del Terzo Mondo ridotte in miseria dalla voracità dei paesi "liberi e democratici".


L'anonimo villano scrive:

Anonimo ha detto...
la differenza è che un italiano fa semplice domanda di un passaporto,dopo 10-15 giorni ti arriva a casa.ha il libero arbitrio..."vado in africa oppure in america...no in lituania".puo andare ovunque,senza conoscere nessuno,puo rimanere quanto gli pare...ecc..ecc.il cubano deve elemosinare il passaporto(50cuc),il piu delle volte non lo danno se non hai l'invito dall'estero(140cuc)..anzi mai.chiedere il permesso addirittura al centro di lavoro,al presidente di quartiere ecc..ecc.il cubano per uscire a volte usa l'inganno,guarda gli artisti-sportivi-attori-giornalistiche "solo" l'anno passato sono fuggiti.sono tanti e alcuni popolarissimi(tutti veri cubani..cheche se ne dica..)e mi fermo qui.d'altronde sai bene cosa dico!!stai facendo l'invito dei tuo amici artisti?quanto hai speso fino adesso?e perche tutti quei permessi....tu hai idea come è triste lasciare il proprio paese per vivere decentemente?la liberta è anche questa.vivere dove a uno le da la gana.....DI TUTTO DEL TUO TIRANNO,DI'DI PIU.jose marti'


Credo che chiunque conosca la realtà cubana sappia benissimo che le cose non stanno proprio come le descrive il bambo che ha pure il coraggio di firmarsi Josè Martì. Non c'è veramente limite all'indecenza!!!!!


La questione dell'invito ai miei amici è subito descritta, al rientro da Cuba ho chiesto all'Assaciozione patrocinata dal Comune di Ponte in Valtellina, di mandare ai due trovadores cubani l'invito per la partecipazione alle manifestazioni ed un certificato che attesti che l'Associazione esista veramente. Il Sindaco, tra l'altro a capo di una giunta di centrodestra, ha mandato personalmente l'invito a nome del Comune attestando quindi anche che l'Associazione che promuove le manifestazioni dipenda direttamente dal Comune, quindi taestimoniava lui stesso la mancanza di qualsiasi secondo scopo. Con questa documentazione e con il regolare permesso di emigrazione rilasciato immediatamente dalle autorità cubane, i due artisti si sono presentati all'Ambasciata Italiana all'Avana. QUI SONO INCOMINCIATI I GUAI! (Chi ha avuto occasione di dover ricorrere alla nostra Ambasciata all'Avana sa benissimo come si viene trattati, le interminabili code a cui ti sottopongono, il comportamento da cafoni dei vari addetti che, ben pagati con i nostri denari per risolvere le necessità degli italiani che per vari motivi si trovano a Cuba, riescono a far andare su tutte le furie anche il più pacifico degli esseri umani. Non a caso l'Ambasciata italiana viene considerata la peggiore tra tutte quelle che si trovano a Cuba, in proposito avrei da raccontare delle cose molto interessanti....). Per i nostri amici è iniziata una trafila interminabile a causa delle continue vessazioni cui sono stati sottoposti da coloro che dovrebbere usare la diplomazia per rendere amichevoli le relazioni fra i nostri due popoli. Hanno iniziato sostenendo che l'invito non era in originale e quindi non valido, perciò è stato necessario far mandare dal sindaco un fax che confermasse l'originalità dell'invito. Ma secondo i solerti rappresentanti del nostro Paese, il fax non era perfettamente chiaro e quindi pure questo non ritenuto valido. Intanto i giorni passavano e la data di partenza, con biglietti già pagati, si avvicinava e l'Ambasciata riceve solo poche persone al giorno per due o tre giorni la settimana. Si è reso necessario rimandare nuovamente l'originale della documantazione ma ancora l'Ambasciata ha trovato il modo di allungare i tempi in modo che i due trovaradores non hanno potuto partire il 5 aprile, perdendo così la possibilità di tenere il primo concerto e si è dovuto cambiare la data di partenza con le dovute conseguenze economiche. MA LA STORIA NON è FINITA QUI, Oggi Ariel e Lilliana mi scrivono dicendo che l'Ambasciata ha richiesto che la richiesta di invito deve essere indirizzata all'Ambasciata, cosa mai avvenuta, e che venga aggiunta una frase senza la quale non concederanno il Visto!!!!!!!! Così sarà necessario un nuovo rinvio della partenza, un altro biglietto per il volo ed il rinvio o la rinuncia anche del secondo concerto!!!!! Io mi chiedo come sia possibile un comportamente così apertamente ostile a che i due artisti possano venire ad esibirsi in Italia, e mi chiedo come fanno certe persone con il cervello impregnato di fascismo allo stato puro a continuare a sostenere i soliti luoghi comuni artatamente messi in giro dalla vile propaganda anticubana orchestrata dalla più schifosa feccia reazionaria.

Ecco la mail che mi hanno inviato, sconsolati, Ariel e Lilliana che vanno spesso in giro per il mondo a tenere i loro concerti ma che mai si sarebbero aspettati un trattamento simile da parte di un Paese che consideravano, a torto, amico, anche a causa delle comuni radici latine e dell'amore per l'arte che pensvano facesse parte della cultura del nostro popolo. E per fortuna che io li avevo messi in guardia sulla situazione che regna in Italia dove il pensiero fascista è sempre dominante.


Queridos nuestros:

Las noticias no son nada buenas. Primeramente decirles que en la embajada italiana en la Habana nos trataron de la manera más ultrajante que yo recuerde en nuestras vidas, Esperamos 5 horas parados en la acera, mientras pasaron todos los demás, El asunto en cuestión es el siguiente; No nos aceptaron la carta de invitación porque debe ser dirigida por la Comune a la embajada y no al Centro Pablo,como siempre ha sido desde que tengo uso de razón,tengo la impresión de que inventaron eso de repente,en muy mala forma además. Nos dijeron que debe agregársele el siguiente párrafo que nos entregaron impreso y que te reproduzco a continuación, debe decir que La comune está conciente de lo siguiente: L' invitante dovra' altresi' fare stato della consapevolezza delle responsabilita' penali derivanti dall'art 12 del TU 286/1998 in materia di favoreggiamento dell'immigrazione illegale.
Esto me parece una falta de respeto hacia nosotros y al estado cubano que está solicitando de manera oficial un trámite de visado y también irrespetuoso con la Comune. Me parece completamente innesesario y ustedes son libres de decidir cualquier cosa al respecto. Nosotros nos sentimos muy humillados por estos señores que no han respetado las normas y los acuerdos migratorios.
Si todavía estuvieran en condiciones de proseguir con nuestro viaje La comune tendría que enviarnos de nuevo la carta con esos arreglos (dirigirla a la embajada d Italia en la Habana y agregarle el párrafo) Tendrías que enviarla mañana mismo (ellos demoran UNA SEMANA en entregar la visa y solo trabajan Lunes,miércoles y viernes) para lo que te recomiendo que lo hagan,no por fax,sino por email escaneada en jpg o formato pdf, ya que para colmo cerraron con la siguiente frase "tráiganla en un papel más bonito y no en ese de fax que casi no se ve" Les cuento todos los detalles para que tengan una idea de lo que estamos sintiendo, los cubanos no somos de aguantar estas cosas de nadie. Además estamos preocupados por sus tantos esfuerzos en esta empresa tan noble y desinteresada.
Nos pidieron además un seguro de viaje que tendremos que pagar aquí, no lo haremos hasta tener respuestas de ustedes ya que no lo devuelven, ni tampoco los 120 euros que pagaremos de visa si la negaran.
Esperamos,,,cambio y fuera!
besos, besos
Ariel y Lilly


Traduco per coloro che non conoscono lo spagnolo:


Carissimi,

le notizie non sono per nente buone. Prima di tutto vi dico che all'Ambasciata italiana all'Avana ci hanno trattato nella maniera più oltraggiosa che ricordi nella vita. Abbiamo dovuto aspettare 5 ore in piedi sul marciapiede mentre hanno fatto passare tutti gli altri. La nuova questione è la seguente, non accettano l'invito perchè deve essere diretto all'Ambasciata e non al Centro Pablo (l'Associazione culturale a cui appartegono Ariel e Lilliana) come è sempre stato da quando ho l'uso della ragione, ho l'impressione che se la sono inventata al momento, e pure in malo modo. Ci hanno detto che bisogna aggiungere questa frase che ci hanno dato per iscritto e che riproduco in seguito, deve dire che il Comune deve essere coscente di questo: l'invitante dovrà altresì fare stato della consapevolezza delle responsabilityà penali derivanti dall'art. 12 del TU 286/1998 in materia di favoreggiamento dell'immigrazione illegale.
Questo mi sembra una mancanza di rispetto verso di noi e lo stato cubano che sta sollecitando in modo ufficiale un visto e pure irrispettoso per il Comune.
Mi sembra veramente non necessario e voi siete liberi di decidere qualsiasi cosa al riguardo. Noi ci sentiamo molto umiliati da questi signori che non rispettano le norme e gli accordi migratori.
Se tuttavia credete di continuare per il nostro viaggio, il Comune dovrà inviarci di nuovo la carta con queste regole (indirizzarla all'Ambasciata italiana all'Avana ed aggiungerci il paragrafo). Dovrete inviarla domani stesso (loro tardano una settimana per dare il visto e lavorano solo il lunedì, mercoledì e venerdì) perciò raccomando di farlo non per fax ma per e-mail in formato JPG o PDF visto che per colmo hanno chiuso la discussione con "portacela su carta buona e non per fax che quasi non si legge". Vi sto raccontando tutti i dettagli perchè teniate un'idea di quello che stiamo vivendo, noi cubani non siamo fatti per subire queste cose da parte di nessuno. Oltretutto siamo preoccupati per i vostri sforzi in questa impresa tanto nobile e disinteressata.

Ci hanno chiesto anche un'assicurazione di viaggio che dobbiamo pagare quì, non lo faremo fino a qundo non avremo risposta, tantomeno i 120 Euro di Visto se poi ce lo negano.

Aspettiamo

Baci, baci

Ariel e Lilliana

Credo non servano altri commenti. Anche il più indegno degli esseri umani sa capire chi sono i veri tiranni. Vero Anonimo vigliacco che hai pure il coraggio di firmarti con il nome di colui che è il padre delle lotte che hanno portato il popolo cubano ad essere tanto dignitoso? O hai bisogno di altri esempi? Se vuoi di posso raccontare altri migliaia di fatti su quel popolo nobile e dignitoso e su certe canagliate dei rappresentanti del nostro "bel paese".

P.S. Grazie Ariel e Lilliana per l'esempio che state dando, la vostra amicizia mi onora e mi rende orgoglioso di spendermi per far conoscere la vostra arte. Il paese che ha fatto sua la cultura del Grande Fratello e delle Isole dei Famosi, ha veramente bisogno del vostro aiuto. LOS QUIERO MUCHO


19 commenti:

mirco ha detto...

Purtroppo caro Elio tutto ciò è conseguenza della legge Bossi-Fini che dà al funzionario di turno dell'ambasciata libertà totale di decidere,senza neppure dover dare una spiegazione plausibile.Qualche mese fa una amica mia ha invitato una cugina con suo marito e nonostante gli incartamenti fossero perfetti gli ha negato il visto trattandoli oltretutto con una autorità impressionante.

Eliolibre ha detto...

Sicuramente Mirco, la Bossi-Fini è stata devastante ed il Centrosinistra non è che si sia dato troppo da fare per rimediare. Ora che l'accoppiata nazi-fascista tornerà al Governo ne vedremo ancora delle belle. Io poi insisto sul concetto di mentalità fascista che pervade il nostro Paese e tutto l'occidente "democratico", quell'insostenibile arroganza secondo la quale a qualcuno tutto è concesso mentre gli altri devono sottostare alle loro volontà.

mirco ha detto...

Mi raccomando Elio vota Pcl
www.pclavoratori.it
Dobbiamo dare un segnale a questi politici corrotti e delinquenti.

Eliolibre ha detto...

Sono di sicuro idealmente vicino alle idee di Ferrando, unico dei candidati a schierarsi chiaramente per il superamento del sistema capitalista, ad indicarne con chiarezza le respopnsabilità ed a proporre alternative chiare che riporterebbero l'Italia ad essere un paese dove giustizia, uguaglianza e dignità tornerebbero ad essere quei valori per cui molti durante e dopo la guerra di liberazione hanno lottato. Purtroppo non sarà un voto utile a fermare il ritorno al potere della destra ma se si vuol cambiare veramente credo sia il caso di dare segnali forti. Credo che deciderò all'ultimo momento quale sia in questo momento la cosa più giusta, ma non ho nessun dubbio sul sostegno al PCL

Francesco ha detto...

Ciao Elio,
MARTEDI 15 APRILE IN SALA LUCCHI A VERONA SI TERRA' UN DIBATTITO CON ALEIDA GUEVARA ED ALTRI OSPITI...
SE PUOI....IO CI SARO' OVVIAMENTE
Per maggiori informazioni
www.italiacuba-verona.it

Dario Pulcini ha detto...

Questo è solo uno dei tanti esempi con i quali si può dimostrare che l'inimicizia e l'embargo tra le nazioni e i popoli a causa dei governi oligarchici occidentali sono ancora forti, che la "libertà" è solo una parola svuotata da ogni senso da questi paesi "democratici", in cui purtroppo rientra anche l'Italia.
"Le minacce sol son arme dello imminacciato", diceva Leonardo Da Vinci.
Significa che hanno paura di Cuba, per ciò che è e che rappresenta nell'America Latina e nel mondo. Dobbiamo rallegrarcene, perché significa che la dignità del popolo cubano ha colpito nel segno.

Eliolibre ha detto...

Belle parole Dario, parole che dimostrano la tua grande sensibilità che si può incontrare sul tuo bellissimo sito. Invito tutti a visitarlo cliccando sul nome di Dario Pulcini.
P.S. Visto che sono un ignorante in materia, c'è qualcuno che mi può insegnare come aggiungere a questo blog il link ai siti interessanti?

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...

ciao elio,ho aspettato un po per rispondere,cosi qualcuno legge i tuoi post,ma qui vedo che non è tanto frequentato....peccato!!
ma perche sei cosi frettoloso nel leggere i post?perche fai sempre delle brutte figure?
jose marti'è l'autore della frase
"DI TUTTO DEL TUO TIRANNO,DI DI' PIU.."sai, leggendo le difficolta' degli inviti e degli invitati,posso solo dire che siete degli inesperti.se solo tu avessi chiesto aiuto a me ,per esempio,non avresti fatto quei sbagli...ma come si fa a fare i biglietti dell'aereo prima del visto?si fa la prenotazione,gratuita,e si presenta....eheheh
ci sono delle regole,e le regole si fanno stipulando degli accordi internazionali,cuba-italia.è la parte cubana la piu rognosa!!che cosa centrano tutti quelle assicurazioni(addirittura del viaggio!!!)
IO NE HO GIA FATTI 3 DI INVITI....
sei fuori dal mondo,e propagandi cuba che non c'è..e non c'è mai stata.
vedi io non uso parole..villano-fascista-bambo ecc.
io amo cuba!!ma non fidel..e ultimamente i fidelisti-comunisti(prima lo ero,poi o conosciuto cuba)e francamente ne so'piu di te!
COMMENTATE LE ULTIME ELEZIONI..SE VI è RIMASTO ANCORA DEL FIATO!
non provare a cancellare......
sii leale e rispondi con cojones!!!
io scrivo perche lo posso fare...
sono libero.
.................bambovill

Anonimo ha detto...

Libero come il Giornale di Feltri e si vede.Cosa avresti detto di cosi rivoluzionario o di verità assoluta lo capisci solo tu e quelli come te.Ti piace tanto che abbia vinto Berlusconi? Non meravigliarti troppo,l'Italia è sempre più razzista e fascista lo è sempre stata,quindi? Dici di amare quale Cuba,quella dove si va ad esportare l'insofferenza alle regole che abbiamo in Italia,l'inculcare ai cubani che sono poveri grazie a Fidel,come fanno i turisti come te? Vattene ad Haiti e vedi cosa combinano i tuoi amici americani quando non possono sfruttare ricchezze naturali o altro,lasciano le persone nella cacca.

Eliolibre ha detto...

Non te la prendere, il tipo che si ritiene libero continua a ripetere le solite frasi fatte, quelle che si leggono quotidianamente sulla stampa dei padroni dove scrivono giornalisti che fanno carriera solamente perchè scrivono quello che ai loro padroni serve che si scriva. Tipi simili la libertà nemmeno sanno cosa sia, ed ogni frase del nostro ospite sta a dimostrae quanto vuoto alberga nel loro animo e quanta stupidità riempie i loro cervelli. Non ho mai inteso far diventare questo blog uno spazio dove lasciare spazio a questi interventi che possono generare solo dibattiti inutili, però alcune testimonianze servono a far capire com'è ridotto il nostro disgraziato paese vittima della "libera stampa" e di persone "libere" come il signore che scrive sopra. Comunque non intendo permettergli di continuare a riempire questo blog con la sua stupidità e continuerò a cancellare le sue stupidate. Prima o poi si stancherà anche lui come hanno fatto coloro che lo hanno preceduto.

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Eliolibre ha detto...

Purtroppo il deficiente continua a riempire il blog con le sue amenità e mi costringe a riempire il cesto della spazzatura.
Ma perchè odiano così tanto Cuba? E perchè non si fanno un loro blog dove pubblicare tutte le loro idiozie ma preferiscono interferire con chi sostiene quell'esperienza? Forse perchè in un mondo dove la disperazione sta avendo il sopravvento, tra guerre, carestie e violenze di ogni tipo, il fatto che esista un paese pacifico, allegro e colto fa tanto invidia?
Se è capibile che chi vuole esercitare il potere su ogni angolo del pianeta possa vedere Cuba come il fume negli occhi, è invece incomprensibile come tante persone "normali" si facciano accecare da tanto stupido odio. Forse è proprio una questione culturale, non a caso Cuba resiste....

Eliolibre ha detto...

Lo stronzo continua a scrivere la sua fogna mentale. Pazienza, dedicare un minuto al giorno per la pulizia non è poi così grave, prima o poi si stancherà. Quello che non smetterà mai è di essere un testa di cazzo fascista, malattia inguaribile.
Ora vado a vcommemorare il 25 Aprile a S. Anna di Di Stazzema, dove purtroppo la violenza fascista fece una strage vera, non quelle propagandate dal deficiente che insucia questo blog.
I vili fascisti ora stanno ancora al governo, non dimentichiamoci cosa hanno già fatto a questo paese.
VIVA LA RESISTENZA!

Anonimo ha detto...

ELIOOOO....DOVE SEI FINITO?
I TUOI AMICI SONO SCAPPATI?
L'ULTIMA ELEZIONE TI HA TOLTO LA PAROLA.....
...........EL MAMBI'

Eliolibre ha detto...

Deficiente, la vuoi capire che questo non è il posto per scrivere le tue cretinate. Visto che mi sono stufato di cancellare ogni giorno i tuoi inteventi da provocatore demenziale, spero di toglierti definitivamente di torno con il saluto che ti meriti: BACIAMI IL CULO!!!!!!!!!!!!!!
Adios

amanecer58 ha detto...

Caro Elio,
sono appena arrivata sul tuo blog e già me lo sto mangiando con gli occhi. Sono stata a Cuba (lo sognavo da trenta anni circa) nel 2004 in "viaggio di nozze", anzi, a dir la verità, Cuba è stato il regalo di nozze dei nostri parenti ed amici. Abbiamo prenotato solo un giorno di albergo e poi siamo stati nelle case particulares. Non te la prendere con il "cazzone" che si firma "anonimo", cancellalo e basta. Solo chi non ha conosciuto Cuba e i cubani può parlare così. Io so solo che a vedere certe foto provo una nostalgia che non ho provato mai; Cuba ti entra nel sangue e non te la togli più dalla testa. tra l'altro chi parla delle dificoltà per venire in Italia forse non ha avuto esperienze con altri Paesi cosiddetti democratici: è anche peggio; richieste di fidejussioni, dichiarazioni assurde prodotte necessariamente in originale etc. etc.; siamo noi italiani che creiamo problemi a chi vuole venire! Quest'anno avrei voluto festeggiare i miei prossimi 50 anni portandoi miei figli a Cuba, un viaggetto di famiglia per far loro capire che un'altro mododi vivere e altri valori sono possibili e attuabili. Purtroppo delle spese ingenti ed impreviste me lo impediscono ma il 22 novembre farò finta di stare abbracciata ai miei sul Malecon! Un saluto fraterno

amanecer58 ha detto...

Domani è "el dia del guerrillero heroico". Spero di avere tempo per scrivere qualcosa sul mio blog, anche se non basterebbe una vita intera per scrivede del Che.
Hasta siempre!

Eliolibre ha detto...

Ciao Amanecer 58, sono felice che sei passata in questo blog dedicato all'isola che tu, e tutte le persone oneste, amio tanto. Ti auguro di tornare presto a Cuba, quando sarà il momento fammelo sapere, potremo incontrarci là....
Fai bene a pubblicare sul tuo blog un post dedicato all'anniversario del Che. Io tutti gli anni dedico una serata in musica, con alcuni amici citroviamo e suoniamo e cantiamo le canzoni dedicate al Guerrillero Heroico.
Un abbraccio e saluti al tuo familion.
Hasta siempre